(Politica) Referendum: L’ignorante ha sempre paura dei cambiamenti

Sul referendum, tra il Si ed il No fino ad ora non mi sono volutamente espresso, non perchè non abbia una posizione in merito, ma onestamente non sono riuscito ancora a trovare ne un’argomentazione valida e non smontabile per votare NO e la totale assenza di una singola persona che io possa definire stimabile, non di parte, e competente che non voterà SI.

Eppure per il NO qualche figura che sembra avere un IQ superiore al plancton e qualche competenza c’è ma sono evidenti i motivi per cui spinga il suo orientamento più verso un ritorno personale o per una ripicca politica.

referendum-costituzionale-si-no

Un esempio su tutti, la persona che viene portata come esempio di persona istruita che sa le cose (un pò come il capo villaggio) e vista la media dei seguaci, già saper scrivere, ti porterebbe ai vertici del movimento, è proprio Zagrebelsky.

Il suo scontro sociale con Renzi in tv ha evidenziato degli aspetti oggettivi:

Renzi ha 41 anni, Zagrebelsky 73

A SETTANTATRE ANNI SUONATI, con tutto il rispetto, non si ha sinapticamente la capacità di avere una visione diversa del mondo da quella in cui si è sempre vissuti. Demagogia?

Senza andare troppo in la chiedete ai vostri nonni, se sono ancora in vita, cosa farebbero per cambiare il modo. Vi mettereste probabilmente a ridere, non perchè loro siano stupidi, ma perchè quella visione del mondo non è più applicabile nei tempi moderni.

Ma andando oltre le congetture, che ritengo comunque assolutamente importanti, Zagrebelsky non ha portato argomentazioni non smentibili. Ha parlato ed è stato lasciato parlare per tantissimo tempo ma il tutto è sempre riportabile ad un “ho paura del cambiamento”

Lo stesso Eugenio Scalfari che giovane non è , ma è abituato a commentare e vivere il cambiamento di un paese, è stato molto critico (Leggi articolo qui) e nonostante tutto si possa dire, tranne che sia amico di Renzi, Zagrebelsky l’ha smontato pezzo per pezzo.

Non voglio entrare nel merito delle argomentazioni invece portate dai fautori del NO che sono le 90% pure balle usate solo per spaventare le masse (se voti si, ti verrà il cancro e non ti cureranno), ma piuttosto su chi, e quali personaggi, sono per il NO.

Prendiamo i personaggi di spicco per il NO

Mastella.. si si proprio lui.. è per il NO, la Bindi (la vecchia politica che si vuole distruggere) è per il no, come per i vari Fassino, Rutelli, D’Alema… Poi c’è Antonio Razzi su cui non commenterei.

Gli eminenti personaggi non politici e non “competenti” (ok pausa 5 minuti, ridete e poi tornate a leggere)  sono tantissimi, ma ancor di più personaggi di “spicco” dello spettacolo o in cerca di visibilità non mancano.

Red Ronnie che ultimamente parla solo di alieni, scie chimiche e dell’inutilità dei vaccini, la Brigliadori su cui non mi vorrei soffermare troppo,l a Mannoia, Corona, Povia, e così via.

A questi aggiungete.. Sindacati, tassisti, e tutte quelle categorie che con la politica hanno un forte legame.

Insomma, se proprio quello che voi avete indicato come il male del paese, è per il NO, ma un dubbio non vi viene?

Articoli Correlati