(M5s) L’onestà tornerà di moda #3

Oggi riprendiamo una vecchia rubrica che ho tralasciato per un pò di tempo, non perchè non fosse successo niente, ma solo per via degli immensi altri scandali e notizie che l’M5s crea giornalmente sul territorio nazionale.

Vi riportiamo pari pari l’articolo uscito oggi sul messaggero, senza aggiungere nessun ulteriore commento…. Benvenuti nell’onestà grillina..

Fonte: Il Messaggero

Da funzionaria a responsabile dell’ufficio Audit, a capo dell’Antifrode. Tutto in meno di un mese. Nell’Atac a trazione grillina c’è una dipendente che sta scalando tutte le gerarchie. Si tratta di Bianca Maria Zama, candidata del M5S per il Parlamento Ue alle elezioni del 2014.

A inizio febbraio l’amministratore unico dell’azienda, nominato a settembre dalla giunta Raggi, le ha affidato «il coordinamento dell’area di responsabilità “Audit e verifica di compliance”», l’ufficio dove Zama fino a quel momento lavorava come quadro. Questa settimana è stato formalizzato un altro scatto di carriera: l’ex candidata grillina alle europee, fondatrice del meet-up di Albano Laziale, è stata promossa a capo della divisione Antifrode della municipalizzata dei trasporti di Roma, al termine di una «ricerca interna» nella cui graduatoria figurano solo due nomi.

La fulminante carriera della politica grillina è finita nel mirino dei sindacati interni, anche perché già a dicembre un altro esponente pentastellato, Alfredo Campagna, minisindaco del municipio XIV, aveva ottenuto la promozione da autista semplice a capotreno. Per Claudio De Francesco, segretario della Faisa Confail, «questa nomina non ci stupisce. Avevamo scritto il nome della Zama dentro una busta già a settembre. Non siamo indovini, semplicemente abbiamo capito quali sono le logiche che governano l’Atac con la giunta Cinquestelle».

Antonello Venditti – In Questo Mondo Di Ladri

Articoli Correlati

WordPress spam blocked by CleanTalk.