Nonostante l’oggettività, il grillino medio riesce ancora a difendere la Raggi

Roma è allo sbando più totale. Non lo dico io, non lo dice il PD, lo dicono semplicemente tutti, da i non schierati politicamente che questa città la vivono ogni giorno, ai giornali internazionali che la prendono come esempio di come una deriva populistica possa portare solo disastri.

Roma ha sempre avuto i suoi problemi anche prima, non è che li ha creati tutti la Raggi, con traffico, sistema statale fermo e assente, trasporti che funzionano in base alla voglia di fare qualcosa quel giorno, corruzione, clienteismo, associazioni corporative che si sono spartite lo spartibile, immobilizzando la città.

Cosa è cambiato rispetto a prima con l’arrivo dell’M5s ?

Mentre in precedenza il problema della malagestione, come giusto che fosse, era identificato nel sindaco che gestiva la città e la sua giunta e, al massimo, si poteva incolpare anche la gestione precedente per aver fatto danni (Alemanno con la sua parentopoli su tutti), ora invece se parli con un grillino senti ripetere sempre la stessa cosa “E’ colpa di quelli di prima”.

Inutile fargli notare che “quello che c’era prima” (Marino ndr) i problemi di Roma aveva cercato di risolverli.

Aveva messo mano in Atac contro i sindacati, aveva bloccato l’impero di Cerroni per la gestione monopolista e monodiscarica dei rifiuti romani, aveva preso provvedimenti contro la mafia che gestisce la vendita ambulante (caldarostari e camionette), aveva finalmente messo uno stop a quel caos deruba turisti intorno al colosseo bloccando i centurioni che palpeggiavano le turiste, aveva reso pedonabile via dei fori imperiali per favorire l’unica fonte certa di guadagno della città (Il turismo) e aveva preso di petto i tassisti romani aprendosi a Uber e provando a immettere nuove licenze sul mercato. E non parliamo del grandioso progetto di riqualificazione urbana che avrebbe portato, a costo zero (COSTO ZERO) il nuovo Stadio della Roma.

Se fosse vero che la Raggi dobbiamo farla lavorare e che la colpa dei disservizi è di quelli prima perchè la situazione è fortemente peggiorata?

Dei 100 problemi che Roma aveva, perchè sono peggiorati e se ne sono aggiunti altri?

Perchè nessuno si pone la più ovvia delle domande e si inizia a chiedere che se prima le cose, a parità di soldi investiti, erano più o meno (male) gestite, adesso con le stesse voci di uscita nel bilancio le cose non vengono nemmeno più fatte?

Le strade sono “oggettivamente” più colabrodo di quando c’era Marino. La manutenzione ordinaria e straordinaria dei parchi è totalmente sparita (non c’è un parco, dico uno, che sia curato). Atac ha aumentato i debiti e ridotto, per quanto incredibile a dirsi, il livello del servizio, mentre per la raccolta dei rifiuti, l’emergenza durante l’insediamento di Marino è diventata praticaente normalità (se la raccolgono una volta a settimana, ci sembra normale).

I soldi in uscita dal bilancio “pubblico” sono aumentati e i servizi invece sono diminuiti

Ma tutte le promesse della campagna elettorale che fine hanno fatto?

Vi ricordate Giugno 2016 “Il problema dei rifiuti sarà risolto entro agosto?”,  “Mai più appalti diretti e metteremo a posto le strade entro dicembre 2016?” (ps: per ora hanno dato solo appalti diretti per asfaltare sulle buche, non sul rifacimento del manto…). E i vari #Marinodimettiti quando una pioggia durata tre giorni, imprevista e improvvisa allagò diversi punti della città seguiti da effetti più devastanti per una piogga di mezza giornata, ampliamente annunciata da giorni, dopo aver pubblicato diverse foto in cui faceva vedere che “loro si” che stavano pulendo i tombini ed erano pronti ?

Vogliamo parlare dell’aumento della microcriminalità per la totale mancanza dei vigili urbani (ha annullato il commissariamento messo in atto da Marino) ? Dell’invasione di cinghiali e ratti in tutta la città?

Roma sta andando verso il commissariamento e, in molti compresi Grillo & C. , se lo auspicano per non prendersi la responsabilità del disastro e poter addossare la colpa a chi ha creato un buco di bilancio che ne rendeva impossibile la gestione.

Aver detto di no allo Stadio della Roma (soldi e investimenti) e alle Olimpiadi (soldi e investimenti) sicuramente non sarà colpa loro, ma i soldi che dal bilancio romano continuano ad uscire per erogare servizi che invece non ci sono, mi sapete dire di preciso dove stanno andando?

Ma niente.. al Grillino Medio ti risponderà “e quelli di prima?” che tradotto vuol dire “sono troppo stupido per risponderti in maniera sensata, quindi dico una cosa tanto per dire, così mi lasci stare..”

Articoli Correlati