(Politica) Perchè personalmente non sopporto il Movimento 5 Stelle

Spesso mi esprimo pesantemente contro Grillo e i Grillini. Spesso mi si accusa di essere un Piddiota senza sapere che io non mi sono mai definito di destra o di sinistra, perchè non ho mai avuto bisogno di appartenere a qualcosa e sentirmi libero di esprimere il mio parere e giudizio, scegliendo sempre ciò che ritenessi in quel momento più giusto.

Non sopporto i Grillini eppure a Roma per totale mancanza di alternative ho votato anche io la Raggi.

Certo l’ho fatto sperando, e lo dico con la massima onestà, che riuscissero a portare in Default la capitale, perchè a mio parere l’unica possibilità che ha Roma di rinascere è quella di morire e ricominciare dalle sue macerie, ma purtroppo anche li sono andati oltre tutte le mie peggiori aspettative, al punto di farmi iniziare a pensare che nemmeno il duopolio Alemanno-Polverini fosse poi cosi’ male.

La mia avversione a Grillo e ai grillini cercherò di spiegarvela in questo articolo e vi invito a prenderlo come parere del tutto personale e quando mi manderete i soliti insulti senza aver letto, compreso e analizzato quanto “potrebbe” esserci di ragionevole in quello che ho scritto, almeno siate fantasiosi.

Perchè non sopporto l’M5s

#1 La sua struttura interna

Non mi sento un democratico e ritengo che uno Stato che dia il proprio timone in mano al popolo (movimenti populistici) sia destinato al suicidio. Ho sempre creduto che il popolo svolga funzione di controllo e verifica e che le elezioni debbano essere sempre in grado di valutare l’operato precedente e le nuove proposte ma non di deciderne l’applicazione. Un movimento che si presenta come azienda e mi riepie le orecchie di slogan che non hanno nessuna applicabilità ne nella pratica e nemmeno nella teoria, mi infastidisce.

Parlare di democrazia dove comandano in due e chiunque, semplicemente alzi il ditino per dire qualcosa che non sia in linea con quanto stabilito, viene cacciato mi fa rabbrividire. Parlare di lotta ai poteri forti per poi allearsi di continuo e fare accordi con le forze “locali” per cercare approvazione è esattamente tutto ciò che chi ha votato quegli slogan non voleva

#2 Il sistema Berlusconiano delle comparsate sui Media

Berlusconi era uno furbo ma tra le cose che non sopportavo di lui e mi chiedevo come potesse la gente dargli credito, c’era il comparire in TV sempre e comunque senza mai però avere un contraddittorio. Da Vespa e da Fede, monologhi per interviste rilasciate, convengni, stralci di interventi, ma mai nessuna domanda e risposta in pieno stile anglosassone dove i candidati si scontrano su un terreno più o meno neutro per farsi la pelle e mettere alla prova dei fatti le loro promesse.

Grillo ha sempre pianto la poca presenza sui media del suo movimento, cosa che al momento non è del tutto vera (anzi se ne parla troppo), ma ne Lui che quando chiamato in causa ha detto “Io sono un esterno” (altra balla), ne i suoi delfini Dibba e D-Mail che riescono a farsi riprendere pure dagli intervistatori perchè parlano solo con frasi fatte e slogan.

#3 Le bugie e nuove SS (Schutz-Social)

Indipendentemente che l’avesse fatto Berlusconi, Renzi, Pannella o Cicciolina, l’utilizzo dei social per raggirare la gente, come faceva Wanna Marchi con le televendite, lo trovo estremamente spregevole.

Se tu, caro lettore mio, un giorno solo per aver detto che Grillo è un cantastorie, ti iniziassi a trovare bombardato di articoli dove tu sei un poco di buono, fai prostituire tua figlia, vendi droga ai bambini, sostieni che gli italiani si devono estinguere e che hai volutamente messo del veleno nei vaccini per favorire la lobby di turno, quanto potresti sopportare questa situazione?

Questo è un sistema organizzato e architettato dalla Casaleggio e non ci nascondiamo dietro al dito del “non è vero” perchè è stata ben dimostrata e riportata la struttura dei siti che vengono tutti gestiti dalle stesse società che attaccano la Boldrini di turno

#4 La paura di un passato che possa ritornare

Ne parlammo già qui (Leggi: Heil Grillen ! Quando si copia un programma politico da Goebbels). I Populismi hanno sempre nascosto una faccia violenta che hanno sempre distrutto società civili.

Non c’è niente di difficile da comprendere nel fatto che se io prendo il potere fomentando i miei elettori ad odiare qualcuno, che siano gli avversari politici, che siano le banche (ebrei), Le lobby (Industriali), La scienza (contro i vaccini) e la cultura sbagliata che ti fa adorare qualcosa di diverso dal nuovo santone di turno (Hitler), è normale che una volta eletto il tuo popolo ti chieda violenza e determinazione nell’agire proprio contro quei nemici che sono stati creati per mettere paura al popolo.

Un Salvini o un Grillo al governo, anche se fossero intimamente democratici, sarebbero obbligati a fare interventi violenti per compiacere il popolo.

Non ci dimentichiamo che abbiamo detto di No ad un referendum che rappresentava esattamente ciò che i movimenti populistici chiedevano, ma che si è deciso per il NO solo per antipatia nei confronti di un avversario politico. Già questo non vi mette abbastanza paura?

#5 Tanti Slogan Zero Idee

Avete presente quando magari conoscete quella persona, molto insicura di se, che si prende la cotta per una ragazza e inizia ad assecondarla su qualsiasi cosa? Il Calcio non le piace? Nemmeno a me amore, anzi questa tessera tribuna che mi è costata 2000 euro la butto perchè non so nemmeno il motivo per cui l’ho con me.

Uscire con gli amici? Nooo io sono solitario, anzi avrei sempre voluto essere vegano e al fast food tutto i giorni ci andavo proprio per convicermi che sbagliavo.

Ecco, questo è il programma dei grillini. Un’analisi di mercato su tutte quelle categorie che non sono mai state rappresentate e ci si fionda a testa bassa.

Anti Vaccinisti, Complottisti, Animalisti e Vegani Estremisti, Piagnoni e tutti i polemici fini a se stessi che criticano tutto, persino le cose che loro avevano suggerito come soluzione la volta precedente. Ma anche se ci fosse qualche idea valida, poi non esiste nemmeno una vaga idea sul come applicarla.

#6 Dove finiscono i soldi dell’M5s ?

Ne avevamo già parlato qui (Leggi: Ma dove finiscono tutti i Soldi gestiti dal Movimento 5 Stelle?). Voi comprereste mai una macchina senza fidarvi del concessionario? Fareste mai investimenti attraverso una società di cui non si sa nulla e non si riesce a sapere nulla? Come possiamo fidarci di un’azienda che non dichiara nei bilanci il dettaglio di quello che fa con i soldi che prende sia dagli eletti (riduzione dello stipendio o pagamento di pizzo al movimento?) sia dal blog che dai finanziamenti che riceve?

Anche un’indagine di Report ha portato alla luce parecchie ombre sulla gestione economica di Grillo & C. ma loro, vedi punto 2, si sono sempre impegnati a non accettare il confronto o rispondere ad una domanda semplicissima: “Dove finiscono tutti i soldi che entrano nel movimento?”

#7 L’impossibilità di un confronto

Hai delle idee diverse dalle mie? Pensi che i problemi si possano risolvere in maniera diversa da come lo farei io? Va benissimo, io non sono perfetto e di cantonate, come tutti, ne ho prese tantissime (Come votare Raggi d’altronde). Ma se leggete anche questo articolo (Tassonomia degli elettori grillini) vi renderete conto che cercare un confronto è impossibile.

Non sopporto il sentirmi rispondere con slogan a ragionamenti che da parte mia sono stati analisi di studio, approfondimento e confronti. Che ben venga il sentirmi dire “Sei un deficiente, per questo questo e questo altro motivo” a seguito di un’analisi approfondita.

Io ci ho perso tempo per farmi le mie idee, ma sentirmi rispondere con slogan idioti e se provo a insistere con Piddiota, quelli prima erano peggio, sei un venduto, mi fa salire il nazismo, ma poi mi do la colpa per aver provato a farli ragionare

#8 La divinizzazione del Leader

Come nei paesi che noi definiamo sottosviluppati, il leader si autoeleva a essere superiore, forte, integro e incriticabile, così Grillo si fa passare dai suoi. Qualcuno pensa che non sia così? Mi trovate qualcuno che si è espresso pubblicamente contro Grillo (nominandolo apertamente) che sia ancora nel Movimento 5 Stelle?

Mi trovate anche una sola volta che la BASE DEMOCRATICA del movimento abbia rifiutato una direttiva venuta da Grillo e Casaleggio? Non ci riuscite vero? Ancora nessun dubbio sul a chi avete affidato la vostra fiducia?

#9 I due pesi e le due misure

Molto legato al punto precedente, c’è il terrore da parte degli adepti del Santone a provare ad alzare la voce quando oggettivamente le cose non sono come ti avevano promesso. Ve li ricordate i grillini di primo pelo con slogan tipo Onestà, via gli indagati, siamo un non partito, nessuna alleanza e via i criminali?

A Roma hanno fatto peggio di chiunque e a memoria di romano, che poi la colpa la si possa dare alla Raggi o ai poteri forti contro la raggi, non c’è ricordo storico di tanto immobilismo, sciatteria, sporcizia e abbandono. Ci sono più indagati (ad oggi) nel M5s che nel PSI di Craxi, ma nessuno dice più la parola Onestà.

A Roma ci si è legati con la malavita (e stanno uscendo fuori adesso tutti gli accordi) dove Grillo sapeva, perchè sempre informato via mail, ma che alla fine diventerà solo colpa della Raggis stessa. Si insultano gli avversari, ma quando tocca a loro sempre pronti a giustificarsi….

#10 I Grillini, si proprio loro

Infine, per concludere, uno dei motivi per cui maggiormente proprio non sopporto i grillini, sono i grillini stessi. Parlano senza informarsi e se glielo fai notare ti rispondono che si sono documentati da quel medico di cui nessuno parla che ha rilasciato un articolo su nontelodico.credici.sitodelcavolo.it e che invece io mi documento sui siti dei partiti corrotti e lobbisti.

Non sono in grado di tenere un confronto nemmeno se abbassi il livello della discussione a esempi per bambini. Devono per forza risponderti per slogan.

E’ proprio vedere che quasi la totalità dei grillini (9 su 10) sono persone con cui non ci prenderei nemmeno un caffè per paura che possano rivolgermi la parola, troppo stupidi, troppo ignoranti, troppo diversi sinapticamente da me che non sono un genio, ma sono uno che non ama parlare di complotti e scie chimiche perchè cosi’ idiota non mi sento di essere, che mi convince che siano persona sbagliate nel posto sbagliato.

Sono le stesse persone che ti parlano di calcio con arroganza dando dei coglioni ai professionisti che hanno fatto delle scelte secondo lui sbagliate, ma lo dice con convinzione come se tutto il mondo fosse pieno di coglioni e lui fosse quello che porta, all’interno del suo dna perchè mica ha studiato, la verità.

Sono le stesse persone che se i fatti poi dimostreranno che avevano sbagliato, non ammetteranno mai di aver detto o fatto una scelta stupida. Non è colpa mia, è stato un complotto, ma che ne potevo sapere, hanno nascosto la verità. L’imbecille avrà sempre un’infinità di scuse per non prendersi mai la responsabilità di essere stato, appunto, imbecille

Questa marea di gente che pretende di saper far funzionare le cose, senza avere la minima idea di come farlo, mi spaventa. Perchè l’idiota, l’analfabeta, lo stupido, ha sempre sperato che un giorno venga qualcuno a rappresentarlo e a risolvergli i problemi, perchè se stupido non fosse, non occuperebbe gli strati sociali piu’ bassi.

Ma l’idea di poter dare la colpa ad altri dei propri fallimenti è troppo appetibile ed è il motivo per cui il Nazismo e il Fascismo presero il potere….

Troppo facile dire “Non sono io, è colpa loro” per poter sfuggire alle proprie responsabilità

I SUPPLENTI ITALIANI – LE LEGGI DI KEPLERO

 

Articoli Correlati